Spurgo delle fognature, cosa è in pratica?

Cosa vuol dire spurgo?

Spurgare vuol dire rimuovere tutto il materiale che ostruisce. Nel caso delle fogne, si tratta di svuotare, con apposite pompe, i pozzi neri dove confluiscono i liquami.

Quando farlo?

In genere, in mancanza di particolari problematiche, lo spurgo delle fognature,viene effettuato una volta all’anno.

Invece, in caso di tubature con curve o strozzature, si rende necessario con più frequenza. Valuterete insieme agli addetti la scadenza della pulizia.

Lo svuotamento dei pozzetti neri aiuta la manutenzione delle fognature ed evita riversamenti o fuoriuscite di liquami, anche se non risolve eventuali danni alle tubature.

Come viene effettuato uno spurgo?

Sul mercato esistono ditte specializzate che, con mezzi appropriati, provvedono allo spurgo delle fognature.

Per avviare questa operazione, se è la prima volta, bisogna contattare la ditta di autospurghi e segnalargli la zona: in base alla disponibilità dei mezzi, vi comunicheranno la data in cui possono effettuare il lavoro.

Le dimensioni del mezzo variano in base alle esigenze: se bisogna effettuare lo spurgo delle fognature di una singola casa, di un palazzo o, ad esempio, di un ospedale. Anche la tipologia della strada e del luogo influiscono sulle dimensioni del mezzo da utilizzare: per raggiungere una casa in un borgo con stradine strette, verrà usato un mezzo piccolo, anche se magari si renderà necessario un doppio intervento.

All’arrivo del mezzo, il personale provvederà ad individuare i pozzetti e a posizionare il mezzo. Il tubo di medie dimensioni e semi rigido, una volta assemblato, verrà collegato, tramite bocchettone apposito, al camion in un lato e inserito nel pozzetto dall’altro e verrà effettuato lo spurgo delle fognature.

A questo punto verrà messo in moto un motore che attiva una pompa grazie alla quale, il tubo, provvederà ad aspirare tutto quello che si trova all’interno della fossa biologica o del pozzetto.
Finita questa operazione, estrarranno il tubo e provvederanno ad effettuare un’accurata pulizia, controllando anche se vi sono dei danni.

La ditta si recherà a smaltire i liquami in depositi specifici e certificati.

Quanto costa?

In genere, queste operazioni, impiegano una tariffa oraria che tiene conto del costo del mezzo, personale e smaltimento liquami.
Per il semplice svuotamento del pozzetto, la cifra si aggira attorno ai 90,00 € orari IVA esclusa.

In caso di rimozione di: occlusioni, radici, calcare e grassi, il prezzo all’ora aumenta, causa utilizzo di attrezzatura specifica.

Il prezzo aumenta anche in caso di videoispezione, necessaria per visionare le tubature in caso di problematiche, condotta con mezzi speciali.
Quando si contatta la ditta, è possibile richiedere un preventivo che, in genere, è stilato dopo ever effettuato un sopralluogo.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.